Iniziamo

Arrivo tardi come al solito nel mondo informatico e mi cimento
cosi' per la prima volta con un Blog ....
Ma come dice il famoso detto popolare "Meglio tardi che mai".
Il seguente Blog tratta pertanto svariati argomenti: si va dalla vita personale a Fotografie, dalla Letteratura all'Arte in generale (Musica, Teatro, Cinema), dalla Storia alle Biografie di personaggi famosi, Viaggi, Ricette di Cucina, Eventi e notizie in generale.
Percio' Benvenuto a chiunque voglia seguire queste pagine.

giovedì 10 ottobre 2013

I Serial Killer. il volto segreto degli assassini seriali. Il Libro di Mastronardi e De Luca.

Da Dexter a Criminal Minds, negli ultimi dieci anni, le figure degli assassini seriali (traduzione di Serial Killer per gli americani) hanno sempre più attratto l'attenzione del pubblico televisivo (in Italia basta pensare all'audience elevato che certi programmi hanno acquistano sempre più, fino ad accaparrarsi la messa in onda in prima serata, occupandosi di tematiche sul genere).
Affascinati da storie macabre da una parte ed inorriditi dall'altra non vi è dubbio che le figure di questi personaggi attirano l'attenzione anche delle persone più comuni.
Nella nostra patria italiana, esistono numerosi psicologi e criminologi che si sono occupati di svelare al pubblico il vero volto di questi assassini e tra questi quelli che hanno attirato la mia attenzione sono stati: Vincenzo Maria Mastronardi e Ruben De Luca.
I due hanno infatti pubblicato insieme un libro, un volumone di 894 pagine circa, edito dalla Newton Compton Editori (lo trovate nella collana I grandi tascabili contemporanei, nella sezione di saggistica) dal titolo "I serial Killer. Il volto segreto degli assassini seriali".

Rispondendo a domande del tipo: Chi sono e cosa pensano gli assassini seriali ? Come e perché uccidono ? E' possibile una riabilitazione ? i due autori vogliono mostrare al lettore tutta la loro conoscenza in questo settore.
In questo libro (diciamoci la verità non è un romanzo per curiosi ma è invece un vero e proprio saggio scientifico che si compone persino di schede tecniche che mostrano e analizzano i casi più clamorosi), gli autori illustrano un mondo, fortunatamente, ai più ignoto.
Diviso in due grandi parti, come lo stesso Mastronardi rivela a pagina 11, nella prima sono riportate brani di diari, lettere ed interviste; mentre la seconda parte esamina i crimini compiuti e approfondisce il tema analizzando un campione di 2230 assassini provenienti da tutto il mondo.
Leggendo il libro ho trovato interessante scoprire inoltre che esistono centri specifici come il GORISC (Gruppo Osservativo di Ricerca, Intervento e Studio sul Crimine) ed il CEPIC (Centro Europeo di Psicologia, Investigazione e Criminologia) o ancora che sono presenti l'ESKIDAB (Banca Dati Europea sugli assassini seriali) o il WOSKIDAB (Banca Dati Mondiale sugli assassini seriali).
Fino a quando, passata la lunga e dovuta spiegazione introduttiva (da pagina 1 a pagina 15) non ci si ritrova finalmente di fronte alla prima parte del testo (intitolato Temi Generali) e al primo capitolo dal significativo titolo: Chi è il serial killer. Storia dell'omicidio seriale e definizioni.
Non proseguo oltre perché altrimenti rischio di svelare troppe cose e di non invogliarvi più a leggerlo. Sappiate solo che il volume vuole essere, come scritto nel trafiletto sul retro, un indispensabile strumento operativo per psicologi, criminologi, avvocati, investigatori, magistrati e per tutte quelle persone che entrano in qualche maniera in contatto con questi tipi di crimine (scrittori e autori) o semplicemente per chi è curioso di conoscere l'universo dei "mostri del nostro tempo" (definizione scritta sempre sul retro del testo).
Inoltre a scriverlo sono state due persone che sono da anni nel settore.
Vincenzo Maria Mastronardi è infatti psichiatra, criminologo clinico e professore di psicopatologia forense presso l'università di Roma (oltre tutta una lunga serie di altri importanti ruoli ricoperti che troverete nella sua biografia, anche da internet se cercate) e lo stesso discorso vale per l'altro autore del testo, Ruben De Luca, anche lui psicologo, criminologo e collaboratore con l'Osservatorio dei comportamenti e della devianza presso la facoltà di Medicina e dell'università di Roma "La Sapienza".
Insomma un libro che sicuramente merita di essere visionato con la dovuta attenzione critica.