Iniziamo

Arrivo tardi come al solito nel mondo informatico e mi cimento
cosi' per la prima volta con un Blog ....
Ma come dice il famoso detto popolare "Meglio tardi che mai".
Il seguente Blog tratta pertanto svariati argomenti: si va dalla vita personale a Fotografie, dalla Letteratura all'Arte in generale (Musica, Teatro, Cinema), dalla Storia alle Biografie di personaggi famosi, Viaggi, Ricette di Cucina, Eventi e notizie in generale.
Percio' Benvenuto a chiunque voglia seguire queste pagine.

venerdì 17 aprile 2015

La danza della realtà di Alejandro Jodorowsky

"Le definizioni sono soltanto approssimazioni.
 Qualunque sia il soggetto, il predicato è sempre la totalità dell'universo.
 In questa realtà "impermanente", quello che immaginiamo essere la verità assoluta diventa impensabile.
Le nostre frecce non colpiscono mai il centro del bersaglio perché esso è infinito.
I concetti che la ragione esprime sono veri per me qui, in questa precisa data. Per un altro, più in là, più tardi, possono essere falsi ..... "

Questo pezzo scritto è tratto dal libro di Alejandro Jodorowsky intitolato "La Danza della Realtà".
L'edizione che ritrovo tra le mani è quella della casa editrice Feltrinelli, pubblicata nel 2004 e poi riedita anche nel 2007.
Da questo stesso libro ne è stato tratto anche un film, ma oggi qui scriviamo solo del testo.
Per chi non lo conoscesse Jodorowsky è un personaggio davvero unico e singolare nel suo genere che possiede alle proprie spalle una lunga vita difficile da cui ha saputo trarre il meglio.
Ne "La danza della realtà" è proprio di questa sua vita così particolare che si parla.
Nato nel Cile del Nord nel 1929 e figlio di immigrati ebreo-ucraini, nel 1953 si trasferisce a Parigi dove fonda, insieme a Fernando Arrabal e Roland Topor, il movimento di teatro "panico".
Sintetizzata così potrebbe sembrare una vita come tante ma nel libro si capisce che già dalla sua nascita Jodorowsky è stato destinato all'invenzione di materia nuova, artisticamente parlando, ed inventando nel tempo il concetto di psicomagia.
Per comprendere meglio quanto scritto fino ad ora, riporto quelle che sono le parole del trafiletto di presentazione al testo, scritto dalla traduttrice Michela Finassi Parolo:

La danza della realtà è senza dubbio l'opera più importante, rivelatrice ed ipnotizzante di Alejandro Jodorowsky.
E' una autobiografia che va letta come il romanzo di una vita sorprendente, un'opera che scandisce il percorso di un uomo alla ricerca delle verità ultime e fornisce le chiavi del suo universo filosofico e sciamanico.
L'infanzia dolorosa che aprì la sua sensibilità all'esistenza delle cose, la militanza a Parigi nelle file del surrealismo, la stregoneria medioevale scoperta attraverso lo studio dei tarocchi, la magia degli sciamani messicani, il taoismo zen, la scorribanda tra le arti e i saperi in tutte le latitudini delle culture.
Da queste vicende e da un'infinità di altre esperienze deriva la psicomagia, una pratica che restituisce all'arte e all'immaginazione la loro primitiva funzione curativa dell'animo umano.

In questo trafiletto è spiegato chiaramente di cosa parla il libro e con quali occhi occorre leggerlo.
E' quindi una autobiografia sorprendente quella che si scopre pian piano tra le pagine del libro e dalla quale non si può non restare in qualche modo affascinati.
Lungo i 9 capitoletti si passa così dall'infanzia cruda fino alle esperienze vissute nel percorso di crescita ad uomo, dagli approcci e i lavori nel mondo del teatro per arrivare poi alla fine alla parte sulla psicomagia e allo psicosciamanesimo.
E' un testo che consiglio di leggere agli appassionati di teatro ed arte e anche a chi vuol ritrovare una filosofia di vita differente, profonda e acuta.
"La danza della realtà" di Jodorowsky prende vita proprio dal suo reale, una danza che coincide con gli eventi della sua vita che si incastrano come in un puzzle di una esistenza in cui ogni tassello ha trovato posto con il tempo dopo accurata analisi filosofica temporale.
E' un vissuto artistico quello di Jodorowsky misterioso e profondo che lo stesso artista dopo fatiche iniziali è riuscito a sistemare in qualche maniera in un quadro esistenziale unico nel suo genere.
Lo stile narrativo è comunque scorrevole anche se, a mio avviso, occorre come spesso si fa con libri simili leggerlo con la dovuta calma ed attenzione perché tra le sue righe si possono ritrovare e scoprire perle di saggezza che non devono essere perse nel vuoto.
Consigliato vivamente.
A presto.


 

FONTI ED IMMAGINI:

A. Jodorowsky "La danza della realtà" Feltrinelli editore 2004.

http://www.feltrinellieditore.it/opera/opera/la-danza-della-realta/

http://adriani.altervista.org/author/stuff/jodorowsky_01.pdf